Il Blog del Gigante

Dove c'è tana c'è casa

La mossa del pinguino

Sono andato a vedere “La mossa del pinguino” di Amendola.
Dice, perché? Beh, mi aveva colpito il trailer e mi sembrava originale l’argomento del film: un’improbabile squadra di curling fatta da gente che di questo sport non ne sa niente ma che ha l’ambizione di andare alle Olimpiadi invernali. Con tutti i preconcetti che abbiamo di solito noi non addetti nei riguardi della disciplina (“e che ce vo’!”, “ma è tipo le bocce sul ghiaccio?”, ecc…).

PSEUDO-SPOILER ALERT (salta il paragrafo qui sotto e vai al riassunto finale)

La trama in effetti è carina, abbastanza originale affidandosi ad alcuni cliché del genere, come il topos della compagine scalcinata, il lui di turno che tradisce la fiducia di lei rischiando di perderla, lo stesso lui che alla fine capisce il senso vero della vita, pur sostanzialmente non cambiando… Metteteci anche qui una spruzzata di attualità con il richiamo alla disoccupazione/precarietà giovanile e il gioco è fatto.
Gli attori sono molto bravi, dai veterani Fantastichini e Fassari (attore sottovalutato non so per quale motivo), a Memphis (ottimo in questo tipo di ruoli), alla splendida Inaudi, al piccolo Damiano De Laurentiis che interpreta il figlio, fino alla rivelazione del 2013/2014 (a mio avviso), ovvero Edoardo Leo. Il ruolo interpretato da questo attore – molto molto bravo – è simile, per capirci, a quello dell’accademico precario di “Smetto quando voglio“, forse per il fatto che anche quel film riprende alcuni cliché standard.

In finale:

  • sulla carta, è meglio di quanto sperato;
  • nella mia mente, pensavo ancora a qualcosa in più (in fondo, voglio bene a Amendola);
  • nella pratica, è un film carino da andare a vedere per passare una piacevole serata.

Per il giudizio complessivo, mi ritrovo nella rece di Paola Casella su MyMovies.

Credits: ||Video|«La Mossa del Pinguino – Trailer ufficiale»|from:VideaCDEdistribuzion|Youtube||

Annunci

Autore: Il Gigante

Grande. Molto grande. Informatico per lavoro, cazzaro per vocazione, gigante per natura.

I commenti sono chiusi.