Il Blog del Gigante

Dove c'è tana c'è casa


Sardegna 2018

sardegna2018-pub-14

Siamo voluti tornare in Sardegna. È una terra che amiamo molto e che ci dà sempre molte soddisfazioni. Quest’anno abbiamo scelto, anche per opportunità, una zona molto “commerciale” e turistica, ovvero la costa a sud di Olbia: Porto San Paolo e San Teodoro in particolare.

Spiaggia [HDR] by Il Gigante ... on 500px.com

Le spiagge di questa parte della Sardegna sono bellissime e nei primi giorni (gli ultimi di giugno) ce le siamo godute con una certa tranquillità. Non appena scavallato il mese di luglio però, sono diventate molto più affollate e bisognava muoversi di mattina presto.
Da menzionare Porto Taverna, Capo Coda Cavallo, Cala Brandinchi e Lu Impostu.

Il promontorio by Il Gigante ... on 500px.com

Ci sono buoni ristoranti, ma quelli sopra la media non sono numerosi come abbiamo trovato negli altri viaggi qui, e soprattutto a prezzi molto molto più elevati. Di ristoranti ottimi in questa zona ce ne sono ovviamente, ma sono quelli con il conto in tripla cifra, come può avvenire a Roma o Milano, ed erano fuori il nostro budget. In effetti questa parte dell’isola è decisamente costosa in paragone al resto e persino i parcheggi delle spiagge erano parecchio esosi.

Una particolare menzione meritano le sorgenti del Su Gologone, un po’ più a sud. Un posto molto bello dove fare un picnic e magari affittare una canoa per fare un giro sul fiume.

Grotta sommersa by Il Gigante ... on 500px.com

Una curiosità: pochi giorni dopo la nostra partenza, a poca distanza da dove stavamo noi, hanno tirato sotto con la macchina Clooney

►►► Su Shutterfly l’insieme completo delle foto del viaggio.◄◄◄

Pubblicità


Sovraesposizione

Negli ultimi anni, è abitudine per molti personaggi pubblici e soprattutto per i politici più scafati, di cercare di apparire un po’ ovunque: dalla tv ai giornali, ma soprattutto sui social. Sovraesposizione positiva (da chi li apprezza e si rende complice cosciente o meno della loro propaganda) o negativa (da chi ne parla criticando o ne crea i cosiddetti meme). Soprattutto la sovraesposizione visiva è particolarmente importante.

Ecco, allora mi permetto di dare un consiglio: se quel personaggio non vi piace, non condividetene l’immagine neanche per satira o sbeffeggio, perché vi state rendendo partecipi alla diffusione di quella faccia. La migliore arma è l’oblio e l’indifferenza. Se lo trovate in un programma tv, cambiate canale!