Il Blog del Gigante

Dove c'è tana c'è casa


Lascia un commento

Dalla morte di Picasa

Picasa è morto tempo fa, e il suo passaggio a Google Photos non ha conservato la funzionalità delle gallery pubbliche. Per ovviare a questa sòla che mi hanno rifilato e dato che

  1. mi fa schifo l’interfaccia utente di GPhotos
  2. voglio gli album pubblici
  3. mi pesa il cu** a fare un sito a mano
  4. ho brutti trascorsi con Flickr

mi sono iscritto su Shutterfly. Vediamo come va!


Devo procurarmi un telegrafo

​Ah che bello questa struttura della ASL ha anche un indirizzo di posta elettronica… 1 settimana.

Fico! Voglio fare un po’ di preventivi per questo servizio (anche un po’ costoso)… 10 gg.

Bello, vediamo di fare una richiesta alla mia banca online per questa cosa che mi serve in tempi brevi… 24 h.

Contattiamo l’assistenza di questa catena per un problema su un acquisto… lettera morta.
No, non siamo ancora pronti al 3° millennio.

Devo procurarmi un telegrafo.


Il noto servizio di photo hosting

Un noto servizio di photo hosting mi ha cancellato l’account perché qualcuno dice che erano presenti foto non mie (ma quando mai!), senza dirmi né quali erano, né da chi arrivasse la segnalazione, senza darmi modo di controbattere, rispondendomi sempre con email precompilate (di cui una in portoghese!) e senza la possibilità di tornare indietro.

A me di questo servizio, che non cito perché non meritano pubblicità visto il trattamento, importava poco e niente, essendo tipo un secondo backup delle foto, ma mi chiedo se nel 2016 possa essere ancora questa la modalità di gestione delle controversie…