Il Blog del Gigante

Dove c'è tana c'è casa


No caro non è così che si guida /1

Piccola rubrica dove smadonno sulle malsane abitudini alla guida dei miei concittadini…

Caro amico golfista, se stiamo dietro un veicolo lento che tutti dobbiamo sorpassare e stiamo aspettando che si liberi la relativa corsia, quando ciò avviene il primo a farlo deve essere il più vicino al suddetto veicolo che abbia messo la freccia: nella fattispecie io. Non provare a fare il furbo partendo dal fondo ché sennò mi fai inquietare.

Grazie.

Annunci


3 commenti

Gigante’s Travel: un weekend lungo nel Conero

Un paio di settimane fa sono andato con la mia famiglia a fare un viaggetto nella zona del Conero nelle Marche: sapevamo essere un posto molto bello, adatto anche ai bambini e, soprattutto in questo periodo, piuttosto economico. Anticipo subito che il viaggio ci ha confermato tutte queste cose. In più, personalmente non conoscevo affatto la regione delle Marche e avevo il desiderio di colmare questa – grave – lacuna.

Ma passiamo al racconto del viaggio.

La preparazione è stata piuttosto rapida e ha utilizzato come strumento la piattaforma Booking.com. Tramite questa piattaforma e per i 5 giorni (ven-mar) che ci servivano la soluzione più adatta era il Valcastagno Relais. Questa struttura, a pochi km da Numana nell’entroterra, aveva come lati positivi la possibilità di avere un mini-appartamento con angolo cottura attrezzato e la posizione centrale rispetto alle cose da vedere. All’atto pratico il posto si è rivelato molto bello, con una vista suggestiva e con del personale molto cortese.

Giorno 1

Siamo partiti all’ora di pranzo da Roma e il viaggio (sulle 3h 15′) è andato piuttosto liscio. Qualche difficoltà a trovare la location perché il punto fornito da Booking a Google Maps era impreciso di qualche km. La ricerca diretta da Maps ci ha portato sulla strada giusta.
Eravamo piuttosto stanchi e, dopo esserci sistemati e rilassati un pochino nella struttura, siamo andati direttamente a cena in un agriturismo poco distante ma molto buono: l’Agriturismo “Il ritorno”.

Giorno 2

Nella prima vera giornata utile, dopo un bel sonno e una ricca colazione fai-da-te, abbiamo passato la mattinata visitando Osimo.

Abbiamo girato lo stupendo borgo, ma non siamo riusciti a visitare le famose grotte, un po’ per gli orari, un po’ perché poco adatte a un bambino piccolo.

A pranzo, sotto consiglio del gestore del Valcastagno, siamo andati all’Osteria Moderna, che, come dice il nome, propone piatti innovativi con ingredienti tipici del territorio (tipo le Chicche di patate e rapa rossa con melograno). Consigliato anche per la location (l’antico macello con vista panoramica).

Nel pomeriggio invece abbiamo fatto un giro nella vicina Sirolo, altro bellissimo borgo arrampicato sulle pendici del Conero. La vista era bellissima, anche se c’era un vento…

Poi, passeggiata sulla spiaggia di Numana e cena a Il Cucale, il miglior ristorante della vacanza (un po’ più costoso però) dove abbiamo mangiato dell’ottimo pesce. La grigliata, ad esempio, era eccezionale e comprendeva pesce poco usato normalmente per lo scopo (tipo la rana pescatrice).

Giorno 3

In questa giornata abbiamo innanzitutto visitato Fermo. Questa cittadina, uno dei capoluoghi della regione, ha anch’essa la struttura tipica di un borgo, arroccata (molto arroccata) su un piccolo rilievo.

E’ bello perdersi per i suoi vicoli, per poi arrivare nella principale (e molto ampia) Piazza del Popolo, dove potersi fermare un po’ a riposare sulle panchine.

A seguire, prima di pranzo siamo andati a visitare il borgo-rocca di Torre di Palme, che offre fantastici scorci sulla costa ai suoi piedi.
A pranzo invece siamo andati un po’ più distante, presso l’Agriturismo “Il vecchio pioppo”, che offre una gustosa e semplice cucina casalinga con i piatti tipici del luogo.

La sera, invece, siamo stati a Portonuovo, dalla parte opposta del monte Conero. Era possibile fare anche molte escursioni sul monte a partire dai dintorni del borgo, ma abbiamo declinato per mancanza di tempo.

Giorno 4

In questa giornata siamo andati innanzitutto nel borgo di Offagna, che propone ai turisti il suo magnifico castello.

All’interno del castello c’è un interessante museo delle armi medievali, ed è molto divertente infilarsi negli stretti passaggi per arrivare fin sopra la torre più alta.

A seguire abbiamo preso un gelato (nella Gelateria Martini) a Camerano, un altro bellissimo borgo della zona. Ci è piaciuto molto il suo teatro di fine ‘800 con il bel frontone e l’orologio.

Infine, siamo andati a Loreto, un centro molto importante per la cultura cattolica, con la famosa Santa Casa.

La basilica è molto bella e decisamente sopra le righe in quanto a “ricchezza”.

Giorno 5

E’ il giorno del ritorno. Prima di rientrare definitivamente decidiamo di fare un po’ di shopping e di regali.

  • Un po’ di vino (Rosso del Conero e altri) nella Fattoria “Le Terrazze”, nei pressi del relais.
  • Delle olive all’ascolana artigianali dal Pastaio di Numana (prezzo modico e – quindi – quantità esagerata).
  • Delle scarpe di pelle artigianali nella zona di Civitanova Marche.

Prima di tornare un rapido pasto della tigelleria Mille Lire di Civitanova. Ottimi piatti e proprietario molto simpatico.

    Conclusioni

    La vacanza è stata molto divertente e interessante. La zona offre molto da vedere e sicuramente in questi 5 giorni abbiamo dovuto tralasciare molte cose. Ci si deve assolutamente tornare, magari in periodo balneare per godere anche del bel mare che abbiamo visto.

    Qui di seguito trovate l’album completo della vacanza.

    Conero 2017 on Shutterfly

    Qui un breve montaggio di foto e filmati.

    Alla prossima!

    Una vista da Camerano


    Dalla morte di Picasa

    Picasa è morto tempo fa, e il suo passaggio a Google Photos non ha conservato la funzionalità delle gallery pubbliche. Per ovviare a questa sòla che mi hanno rifilato e dato che

    1. mi fa schifo l’interfaccia utente di GPhotos
    2. voglio gli album pubblici
    3. mi pesa il cu** a fare un sito a mano
    4. ho brutti trascorsi con Flickr

    mi sono iscritto su Shutterfly. Vediamo come va!


    Rece: “Lasciati andare”

    Avete presente quando avete una bella sorpresa?

    Ecco, questo film lo è stato per vari motivi. Innanzitutto la storia è veramente scritta molto bene. Rapida, non banale e molto divertente. Poi, recitato benissimo: attori che non conoscevo bene (la Echegui), conferme (la Signoris), sorprese nel ruolo comico (Servillo maestoso anche in questo frangente) e attori che diventano un cult per me (Marinelli). Infine, con un risvolto personale: abbiamo visto girare il film vicino alla Sinagoga di Roma in un periodo in cui per noi stava succedendo una delle cose più belle della nostra vita.

    Consiglio a tutti la visione, non si tratta della solita commedia italiana banalotta ma di una roba di un certo livello.

    Credits: ||Video|«Lasciati Andare – Trailer ufficiale»|by:01Distribution|Youtube||


    My mind plays tricks on me

    Periodo di sogni strani questo.

    Due settimane fa sogno che una mia cara amica (sposata con prole) aveva un storia con un tipo. Tipo che era fisicamente enorme (~2.20m), mentre lei è piuttosto piccolina.

    Solo che mi dava la notizia scrivendomi in chat, ma anziché scrivere direttamente aveva prodotto un documento, tipo dossier, dettagliatissimo, con foto e tutto quanto. Ma questo documento non me lo inviava direttamente ma lo aveva fotografato, per cui si leggeva la prima parte ma non il seguito, così io rimanevo con la curiosità legata al tradimento e al prosieguo del dossier.

    Invece stanotte ho sognato che Saverio Raimondo (lo stand-up comedian) teneva una lezione universitaria sul rischio idrogeologico, serissimo e precisissimo, mentre io ero l’assistente. Neanche a dire che io (né Saverio ovviamente, che io sappia) con l’argomento non c’entro una mazza.

    Prego gli psicologi all’ascolto di non spiegarmi niente su questi sogni!!